Frittura di paranza con patate ondulate

Posted by Picasa
Col termine paranza si indica una frittura di pesce di piccole dimensioni, generalmente, naselli, triglie, cefalotti, gallinelle, ecc. Vengono pescati con reti da fondo a strascico, tirate da due imbarcazioni di legno con un albero centrale dette appunto paranze. E' molto saporita e di un gusto delicato.

Ingredienti: per 4 persone
1 kg. di paranza
5 patate grandi
farina per frittura
sale
olio extravergine

Procedimento
Pelate le patate, lavatele e mettetele a bagno in acqua per almeno un'ora così da togliere un poco di amido; tagliatele con l'apposito strumento per dargli la classica forma ondulata, asciugatele con un canovaccio pulito, quindi friggetele in abbondante olio molto caldo. Contemporaneamente lavate ed eviscerate i pesci, asciugateli per bene e passateli nella farina, quindi friggeteli in abbondante olio ben caldo. Sgocciolateli su carta assorbente per togliere l'olio in eccesso. Regolate di sale e servite i pesci insieme alle patate e una fetta di limone.

Frittura di paranza con patate fritte1


IMG_2980

C0nsigli
Fate la frittura solo al momento di consumarla, va mangiata calda. Inoltre, per ottenere delle patate veramente croccanti, dategli una prima frittura, tiratele fuori, fate riprendere la temperatura all'olio e rimettetele a friggere per qualche minuto ancora; sgocciolate, spolverizzate di sale e servite.


Posted by Picasa

Commenti

  1. Cara Paola, adoro la frittura di pesce, croccante, asciutta è una vera goduria!!!
    La tua è eseguita a regola d'arte, in quanto l'olio dev'essere proprio caldissimo, come scrivi giustamente tu, quindi è fatta benissimo, in quanto il risultato finale seguendo questa regola è quello di un fritto croccante e asciutto!!!!
    Mia madre insiste sempre su questo particolare relativo all'olio e infatti anche le sue fritture di pesce sono così:) la ricetta è quindi quasi uguale alla tua, l'unica differenza è che anzichè la farina utilizza la semola grossa (molto utilizzata in Sardegna soprattutto per le fritture di pesce).
    Complimenti per la bellissima ricetta, mi sta venendo fame solo a leggerla e a guardare le foto!!! Bravissima come sempre!!!
    Un bacione!!!
    Rosy

    RispondiElimina
  2. Cara Rosy, lo dico sempre, io e te abbiamo tantissimo in comune, anche per quanto riguarda il modo ci preparare i piatti; ne sono contenta. Per quanto riguarda l'utilizzo della farina, sono perfettamente d'accordo con la tua mamma, infatti la farina per frittura di cui parlo è un mix di farine che contiene ovviamente anche la semola, che rende il fritto più asciutto e croccante. Quando non trovo questa particolare farina al supermercato la sostituisco con la semola di grano duro che uso per fare la pasta fresca. Ti abbraccio, a domani con un'altra ricetta ;-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari