Pane Chapati senza lievito


Questa bellissima ricetta che vi propongo oggi nella mia versione, è della bravissima Sara Papa, che seguo ogni giorno sul canale televisivo di Alice nel suo programma che si chiama "Pane, amore e fantasia", le ricette originali le trovate qui. E' un pane leggero, senza lievito, ideale per tutti coloro che hanno intolleranze al lievito, ma è soprattutto semplice e veloce da fare, che si presta a moltissime utilizzazioni come ad esempio uno spuntino sfizioso, una merenda dolce, un secondo, ecc. a seconda del contenuto col quale viene condito. La sua origine è indiana, ma assomiglia alla Piadina romagnola o al Taco messicano. Spero che vi piaccia così come è piaciuto alla mia famiglia ed è nella mia intenzione proporvi tante altre ricette di questa persona straordinaria che è Sara Papa, che possiede la grande capacitò di proporsi al pubblico con una chiarezza e semplicità estrema rendendo facile la realizzazione di ogni ricetta. 
  
Posted by Picasa
Ingredienti:
1 kg. di farina 1
500 g. di acqua
10 g. di sale

Procedimento
In una ciotola, setacciare la farina, aggiungere l'acqua e il sale ed impastare fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo (foto 1). Lasciare riposare per mezz'ora per dar modo alla pasta di rilassarsi, quindi riprenderla e tagliarla in tanti pezzi tutti uguali di circa 10 cm. ciascuno (foto 2); lavorare ciascun pezzo in modo da darle la forma di una pallina (foto 3, 4, 5, 6) che dovrete stendere sottilmente aiutandovi col mattarello (foto 7, 8, 9, 10 e 11). Scaldare una padella antiaderente (foto 12) e quando sarà ben calda, mettete il pane al suo interno (foto 13) e cuocete rigirandolo più volte. Non appena vedrete che cominceranno a formarsi delle bolle al suo interno ( foto 14, 15, 16, 17, 18 e 19) e comincerà a gonfiarsi, risultando asciutto (foto 20, 21, 22 e 23) vorrà dire che è cotto. Ripetere questo procedimento fino ad avere del tutto esaurito l'impasto a disposizione. Mano mano che si procede con la cottura, mettere un pane sull'altro e avvolgerlo con uno strofinaccio asciutto e pulito. Può essere consumato caldo o dopo averlo fatto raffreddare, sia vuoto che farcito a proprio gusto, sia col dolce che col salato.

Posted by Picasa

Commenti

  1. Grazie Antonella. Per me sei diventata un'amica assidua e sempre presente! Ho notato che non ti sei ancora iscritta a questo blog! Hai forse incontrato delle difficoltà? se è così t i prego di avvisarmi così da risolvere il problema. Ti ricordo che l'iscrizione ovviamente è gratuita, ma non obbligatoria, per me ha solo una funzione organizzativa. Ancora grazie e ciao.

    RispondiElimina
  2. complimenti paola, il tuo chapati è bellissimo!!!

    RispondiElimina
  3. Bello questo pane, brava e complimenti per il blog!

    RispondiElimina
  4. Apetto una risposta sul tuo sito a questa semplice domanda :
    perchè il mio chapati fatto con farina integrale Bio
    Vital natura lavorato con e senza sale,levitato 1,2 o 4 ore messo dulla padella in teflon a fuoco medio,fa
    solo
    piccole bolle e non si gonfia.
    Quando lo ritivo mi accorgo che è formato semtre da due strati sottili di pasta entrambi cotti all'esterno.
    Grazie delle tue prossime dritte sull'argomento
    Gengis Khan

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari

Seguici su